Semalt: spam sui social media che dovresti conoscere

Lo spam è il gruppo di messaggi non richiesti e irrilevanti inviati a un gran numero di utenti di Internet. Gli spammer utilizzano diverse tecniche per diffondere lo spam in quanto desiderano intrappolare gli utenti in attacchi di phishing, malware e programmi di affiliazione. Artem Abgarian, Senior Customer Success Manager di Semalt , afferma che principalmente lo spam è stato utilizzato come fonte di comunicazione, ma ora ha assunto una forma seria e dovrebbe essere eliminato il prima possibile. Oltre allo spam e-mail e allo spam sui social media è un problema diffuso che può essere suddiviso in cinque diversi tipi:

Profili e account di social media falsi:

I falsi account e profili sui social media sono la chiave per lo spamming. Gli hacker creano molti profili Facebook e Twitter, principalmente con nomi e foto di ragazze per attirare il maggior numero possibile di utenti. Vogliono ottenere credibilità e visibilità per i loro siti e farti intrappolare in molti modi. Possono far finta di essere celebrità, politici, personaggi pubblici o giocatori di cricket e vogliono che ti piacciano e condividano i loro post.

Messaggi in blocco:

I messaggi in blocco sono messaggi con lo stesso nome o testo inviati a molti utenti di social media contemporaneamente. Alcuni spammer creano account falsi e pubblicano messaggi duplicati a intervalli regolari. O vogliono creare un pasticcio per utenti legittimi o vogliono attirare qualcuno con le loro offerte e link di affiliazione. L'utilizzo di messaggi di massa sui social media è iniziato nel 2009. A quel tempo, alcuni siti Web di spam che offrivano lavoro inducevano gli utenti a fidarsi che i loro profili e siti fossero autentici.

Link dannosi:

I collegamenti dannosi si diffondono su Internet attraverso i social media e gli hacker o gli spammer mirano a danneggiare, danneggiare o indurre in errore molti siti Web o dispositivi. Quando fai clic su uno di questi link, potresti essere reindirizzato a un profilo Twitter, Google+ o Facebook che non ha nulla a che fare con la legittimità. In effetti, gli utenti sono costretti a fare clic su quei collegamenti malevoli e gli hacker diffondono malware sui social media per rubare informazioni private e dettagli bancari.

Recensioni fraudolente:

Vari prodotti e servizi vengono venduti su Internet, e il luogo più popolare per questo sono i social media, ovviamente. Sfortunatamente, non sempre ottieni il prodotto che hai visto nella foto, poiché gli hacker pagano semplicemente gli utenti per recensioni positive. Tale pratica consente ai truffatori online di vendere sempre più prodotti e far prosperare la propria attività.

Contenuto indesiderato:

Nessun sito di social media vuole che i suoi utenti condividano contenuti indesiderati ed eccessivi; è anche una forma di spam che funziona bene per gli spammer e non è utile per marchi e organizzazioni legittime. In effetti, molti post irrilevanti vengono segnalati su Facebook e molte pagine e profili vengono chiusi per condividere le cose indesiderate ogni secondo. È un atto di innesco che dovrebbe essere eliminato il prima possibile.